Attenti a Geinimi, il virus per smartphone Android

Di , scritto il 04 Gennaio 2011

Sono giorni di preoccupazione per sviluppatori e utilizzatori di Android, che viene considerato il sistema operativo per piattaforme mobili più performante al mondo. Gli esperti di sicurezza della Lookout Mobile Security hanno infatti reso noto che dalla Cina sta prendendo piede sempre più il primo virus che colpisce gli smartphone muniti di Android. E’ stato battezzato “Geinimi”, e si diffonde attraverso diversi siti cinesi dedicati al download di applicazioni per il sistema operativo.

Geinimi è un malware dalle potenzialità molto avanzate riguardo ai danni che può arrecare. Una volta penetrato nel terminale, è in grado di impossessarsi di dati sensibili, quali la posizione dell’utente, il numero di telefono, i codici IMEI e IMSI, per poi trasmetterli a terze parti con scopi ovviamente illeciti. Inoltre, è in grado di installare o disinstallare una certa applicazione, e durante questa operazione, di scaricare la lista completa delle applicazioni presenti. Geinimi poi si connette a Internet, ogni 5 minuti, per trasmettere queste informazioni a una serie di server remoti, tramite alcuni domini che sono stati identificati e tra cui riportiamo www.widifu.com, www.piajesy.com, www.udaore.com, www.islpast.com e www.frijid.com.

Finora non è stata ancora stabilita la reale entità di questa infezione: si parla di migliaia di terminali, o centinaia di migliaia, ma non si sa come evolverà la situazione. La buona notizia è che bisogna limitarsi a stare attenti a non scaricare applicazioni, direttamente dal terminale, da siti cinesi non ufficiali e pirati: dunque, il Market Place Android ufficiale è ancora sicuro. Nel dubbio, è sempre meglio installare sul proprio device un buon antivirus per smartphone.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009