Huawei P9: un top di gamma di ottima qualità e autonomia

Di , scritto il 09 Maggio 2016

Huawei P9Huawei P9 è un nuovo atteso smartphone del famoso brand cinese, nato da una collaborazione con la casa tedesca Leica, famosa nell’ambito delle fotocamere. Lo chassis del telefono è interamente in metallo, con spigoli molto stondati, un profilo sottile (7 mm) e un peso limitato a 144 grammi. Sotto il “cofano”, un processore Kirin 955 octacore con frequenza fino a 2.5 GHz e una GPU Mali T880 MP4 che offre prestazioni eccellenti. Ben 3 Gigabyte di RAM e 32 Gigabyte di memoria interna, ulteriormente espandibile. Connettività LTE, Wi-fi, insieme a NFC, Bluetooth 4.2 e GPS assistito dal GLONASS. Non è presente una porta a infrarossi, ma un efficiente lettore di impronte digitali sul retro. Le fotocamere solo il punto forte del P9: entrambe da 12 megapixel Sony con f/2.2,ovviamente con lenti Leica. Una delle due è adatta per le foto in bianco e nero con capacità di catturare molti dettagli, l’altra ha il tradizionale filtro per la cattura del colore della luce.
Lo schermo del Huawei P9 è piuttosto grande: 5,2 pollici Full HD 1920 x 1080 pixel in tecnologia IPS-NEO: offre buona qualità di immagine, luminosità e regolazione automatica. Un’ultimo accenno all’autonomia, fornita da una batteria da 3000 mAh (non amovibile), davvero notevole, soprattutto considerate le piccole dimensioni della scocca. Il prezzo? In Italia il prezzo consigliato è di 599 euro.


1 commento su “Huawei P9: un top di gamma di ottima qualità e autonomia”
  1. Max ha detto:

    Comunque la Leica è una azienda che ha fatto la storia dell’ottica, anche a livello industriale. Il prodotto, con Full Hd su 5.2 pollici ha una utilizzabilità eccellente.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009