Tv sul cellulare: nessun decollo

Di , scritto il 22 Aprile 2008

tv_cellulare.jpg

La Tv mobile sui cellulari, nonostante il battage pubblicitario l’ha accompagnata, non decolla per niente, a lanciare l’allarme persino il colosso della telefonia mobile Nokia, la prima a sostenere che forse mai tanto dispiego di risorse economiche è stato così mal riposto come in questo caso.

Il motivo per cui la Tv sul cellulare stenta a decollare (nonostante il fatto che l’Unione Europea abbia previsto il DVB-H quale standard europeo per la Tv mobile e l’ammontare degli investimenti che Nokia ha veicolato in questo settore) è dovuto a uno scarso interesse dell’utenza a interessarsi alla Tv in diretta sfruttando un mezzo come il telefonino. Questo neanche in occasione di eventi sportivi di un certo interesse; decisamente il pubblico preferisce ai programmi trasmessi in tempo reale dei programmi preventivamente scelti e da visionare poi con comodo.

Su questo non mancherebbe una riflessione di carattere socio-psicologico; a certi eventi, soprattutto sportivi, si preferisce assistere insieme e in gruppo, e su uno schermo adeguato, di cui un cellulare sicuramente non dispone. Ma c’è di più, allo stato dei fatti, i costi per usufruire del vantaggio della Tv su cellulare sono eccessivamente elevati e la qualità del servizio e del segnale è limitata. Tutti ingredienti sufficienti per bocciare, fin dagli albori, la Tv sul cellulare.

Per il futuro, non si sa, ma una cosa è certa: anche in passato i bene informati diedero poco credito alla Tv tradizionale al suo avvento, sostenendo che non avrebbe avuto un futuro. Ma i fatti hanno dato loro abbondantemente torto e oggi non vorremmo essere noi i Soloni del XXI secolo!



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009