Sospetti sulla pericolosità dei cellulari

Di , scritto il 25 Maggio 2007

CellulareI sospetti sulla pericolosità delle radiazioni emesse dai telefoni cellulari sono fondati. Lo ha rivelato il programma Panoramà della Bbc, e ora il capo dell’agenzia per la protezione della Salute in Gran Bretagna (Hpa) vuole un riesame del potenziale pericolo rappresentato dalla tecnologia senza fili (o wi-fi) per i bambini.

Gli autori del reportage hanno misurato le radiazioni attorno a un pc portatile in una scuola di Norwich, scoprendo che la forza del segnale radio era tre volte più forte di quella emessa da una tipica antenna per la telefonia mobile. Queste ultime, secondo il governo britannico, non possono essere installate nei pressi di scuole senza consultare genitori e insegnanti, visti i temuti effetti delle radiofrequenze. Ma delle 50 scuole contattate da Panorana, solo una era stata avvertita dei potenziali effetti dannosi delle radiazioni wireless.

Il livello di radiazione trovato nell’aula di Norwich era, comunque, 600 volte inferiore alla soglia di pericolosità stabilita dal governo di Londra, che si basa sulle linee guida internazionali. Nonostante questa scoperta, è previsto che le direttive della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti per la restizione delle radiazioni scattano solo quando c’è un effetto termico delle radiazioni, un meccanismo criticato da molti scienziati.


1 commento su “Sospetti sulla pericolosità dei cellulari”
  1. […] scritto da Nicoletta Da anni in ambito scientifico si discute sulla vera o presunta pericolosità dei cellulari. Non si sono ancora trovate conferme definitive, anche se gli esperti concordano […]


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009