Terremoto: 45500 il numero per le donazioni via SMS

Di , scritto il 25 Agosto 2016

Terremoto SMS solidale
La Protezione Civile, in collaborazione con tutti i gestori di telefonia, ha attivato il numero 45500 per aiutare economicamente via SMS i terremotati del centro Italia (in primo luogo i comuni più colpiti: Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto).

Con il numero unico 45500 è possibile donare 2 Euro sia da telefono fisso che da cellulare.

I fondi raccolti saranno saranno gestiti dagli operatori senza alcuna commissione e inoltrati al Dipartimento della Protezione Civile che provvederà a destinarli alle regioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016.

COME DONARE 2 € PER I SOCCORSI AI TERREMOTATI

  • Inviando un SMS (anche privo di testo) al 45500 da telefoni Tim, Vodafone, 3 Italia, Poste Mobile, CoopVoce e altri gestori virtuali
  • Chiamando il 45500 da rete fissa TIM, Wind Infostrada, Fastweb e Tiscali

Tutti gli italiani hanno ora la possibilità di dimostrare che siamo una nazione unita, con un piccolo gesto.

Grazie per la vostra sensibilità.


3 commenti su “Terremoto: 45500 il numero per le donazioni via SMS”
  1. walter ha detto:

    Siamo quasi a 10 milioni. Forza!

  2. Walter ha detto:

    È pari a 2.563.352 euro la cifra già raccolta a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto grazie al numero solidale 45500, attivo dalle 15 dello scorso 24 agosto. Avanti così!

  3. Francesco Servodio ha detto:

    E’ una splendida iniziativa per alleviare, anche se in parte, le difficoltà

    non determinabili di tanti cittadini italiani colpiti dal sisma.

    Ho un’esperienza diretta Terremoti 1962 (adolescente) Irpinia 80(giovane padre e amministratore)

    f.to Francesco SERVODIO


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009