Google sbarca nel mercato della telefonia

Di , scritto il 27 Gennaio 2015

google-motorolaIl debutto di Google coinvolgerà per adesso il mercato della telefonia statunitense, che già trema

Google ha annuncia la sua intenzione di entrare nel mercato fornendo servizi Internet per la telefonia mobile. Una vera notizia bomba che potrebbe presto sconvolgere gli equilibri dell’intero mercato mondiale con inevitabili conseguenze sulle scelte dei consumatori. Il mercato nazionale per adesso tira un sospiro di sollievo e i consumatori non dovranno valutare nessuna nuova proposta allettante. Chi intende sottoscrivere un nuovo contratto o rinnovare la propria tariffa, potrà informarsi su Tim e le sue proposte, o su Wind e dagli altri ormai noti operatori del mercato italiano.

L’annuncio di Google
L’ingresso di Google nel mercato della telefonia è stato annunciato solo pochi giorni fa e ripreso rapidamente dalle principali testate giornalistiche. Secondo il Wall Street Journal  circolerebbero già voci in merito alla realizzazione di un nuovo servizio “Nova” che, porterebbe alla diffusione della fibra ottica nelle principali città americane.

Il progetto pensato da Google mira a fornire ai clienti una copertura totale di tutti quei servizi tipici del mercato della telefonia. Contenuti, servizi ed hardware, tutti rigorosamente marchiati Google, offrendo inoltre il grande vantaggio di una significativa riduzione dei costi, fino al totale abbattimento. Per realizzare il suo “universo”, Big G. potrebbe acquistare inizialmente le infrastrutture necessarie dagli operatori nazionali, come Sprint e T-Mobile, e creare solo in un secondo momento le sue.

Evoluzioni del mercato e dei servizi di telefonia
Stando alle indiscrezioni, Google avrebbe già firmato un accordo dalle cifre colossali per entrare anche nella realizzazione del progetto Space-X. L’idea sarebbe quella di estendere la connessione a Internet a livello mondiale attraverso l’uso di satelliti. Una strada che consentirebbe di migliorare la qualità della connessione e le procedure di accesso e di controllo dei servizi su piattaforma Android.

Il progetto sarà guidato da un manager dell’azienda, Nick Fox, e potrebbe essere operativo già dal prossimo autunno. Se tutto dovesse andare liscio, Google entrerebbe di diritto a far parte della lista degli operatori di telefonia mobile del Paese. Le conseguenze sarebbero davvero destabilizzanti per gli altri soggetti del mercato che, vedrebbero di certo migrare molti dei loro clienti verso Google che ad oggi gode del supporto di un gran numero di fan.

Il principale vantaggio per i clienti sarebbe invece quello di assistere a un netto miglioramento della velocità di navigazione e dei servizi Wi-Fi, proprio grazie all’impiego di nuove frequenze non ancora in uso. In questi casi potrebbe valere la regola secondo la quale quando un colosso entra in un nuovo mercato, non solo lo stravolge ma cambia anche le regole del gioco.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009