Acquistare cartucce compatibili è sicuro? Le differenze con quelle originali

Di , scritto il 28 Dicembre 2019
cartucce compatibili

Avete acquistato una nuova stampante approfittando di un’offerta molto vantaggiosa, ma appena avete dovuto cambiare le cartucce per la prima volta, avete scoperto che quelle originali prodotte dall’azienda che ha fabbricato la stampante, hanno un prezzo alto al punto da farvi domandare se avete fatto una scelta davvero conveniente.

 Le aziende produttrici adottano spesso la strategia di proporre le proprie stampanti a prezzi economici, per poi recuperare applicando costi, a volte esagerati, alle cartucce e ai toner, se volete risparmiare potete affidarvi alle cartucce compatibili.

Sono tanti i dubbi che riguardano l’utilizzo di inchiostri e cartucce ricaricabili non originali per stampanti, uno dei pensieri più comuni è che queste possano addirittura danneggiare la stampante, cosa assolutamente non vera, a meno che non si tratti di cartucce compatibili di scarsa qualità.

Approfondiamo meglio spiegando cosa sono le cartucce compatibili e quali sono le differenze con le versioni originali.

Cosa sono le cartucce compatibili?

Le cartucce compatibili sono delle cartucce non fabbricate dall’azienda produttrice della stampante, si tratta di prodotti non originali che possono ugualmente offrire un’ottima qualità di stampa.

Anche se non sono originali, si adattano perfettamente alla stampante per cui sono state ideate e raramente presentano problemi di identificazione o di compatibilità.

Molti credono che acquistare delle cartucce a basso costo vuol dire avere una scarsa qualità di stampa ma, a meno che non si ha la necessità di avere stampe professionali, è difficile notare la differenza dalle stampe fatte con le cartucce originali.

Anche per le cartucce compatibili è importante scegliere sempre quelle migliori in modo da ottenere il giusto equilibrio tra il prezzo e la qualità di stampa, inoltre, prodotti non ben trattati, possono essere nocivi o danneggiare la stampante, per cui bisogna sempre fare molta attenzione a ciò che si sceglie.

Le differenze con le cartucce originali

Le cartucce originali sono sicuramente sempre compatibili al 100% e quindi, è impossibile si presentino problemi di funzionamento, la qualità di stampa è di alto livello poiché l’inchiostro usato è compatibile pienamente con la testina di stampa.

Di negativo c’è l’alto costo delle cartucce e la loro resa che, in proporzione al prezzo, è notevolmente bassa, può capitare di spendere più di 30 euro e poi riuscire a stampare meno di 50 pagine di immagini.

Le cartucce compatibili permettono di risparmiare moltissimo in termini di prezzo, fino a 4 o 5 volte meno rispetto all’acquisto delle originali. È sicuramente la differenza sostanziale e più rilevante con quelle originali. La qualità di stampa non risente della scelta di non affidarsi a cartucce non originali, in linea generale è consigliato controllare i materiali adoperati per la loro realizzazione e che il contenuto sia conforme alle normative UE. In commercio, esistono diversi produttori di inchiostri e cartucce compatibili, per fare la migliore scelta è importante informarsi sull’affidabilità dell’azienda produttrice e sulla qualità impiegata per la realizzazione dei suoi prodotti, inoltre, quando si procede a un acquisto, bisogna controllare attentamente che il numero di cartuccia corrisponda esattamente alla stampante di cui si è in possesso in modo da evitare spiacevoli inconvenienti.

Mascherine in pronta consegna

1 commento su “Acquistare cartucce compatibili è sicuro? Le differenze con quelle originali”
  1. Franco ha detto:

    Io le utilizzo con soddisfazione (per l’utilizzo non PRO) e riesco a raggiungere ottimi risultati comunque


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2020, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009