Meizu Zero: il primo telefono senza porte e pulsanti

Di , scritto il 04 Febbraio 2019

Meizu Zero passerà alla storia come il primo smartphone “senza fori”. Infatti, oltre a non avere un ingresso per le cuffie, cosa già abbastanza comune sul mercato, non ha anche nessuna porta per la ricarica, nessun pulsante fisico per il volume o l’alimentazione, nessuno slot per la SIM e neppure uno speaker.

Si tratta di una scommessa piuttosto rischiosa da parte del produttore cinese, che ovviamente compensa l’assenza di pulsanti fisici con pulsanti virtuali che saranno attivati da sensori capacitivi.

Il telefono si serve di una eSIM per potersi connettere a Internet, la ricarica si effettua in wireless (da 18 Watt), mentre un trasduttore piezoelettrico che converte il suo schermo 5.99 AMOLED in un altoparlante. Inoltre, ha anche un sensore di impronte digitali integrato nello schermo.

All’interno si trova un processore Snapdragon 845 è disponibile all’interno. Tra gli altri dati noti della scheda tecnica c’è la presenza di un doppio sistema di telecamere posteriori da 20 MP e 12 MP, mentre la telecamera anteriore è di 20 MP.

Il telefono è munito della certificazione IP68 (resistenza alla polvere e all’acqua), avendo anche il retro in vetro.

Al momento, non conosciamo le caratteristiche della RAM e della memoria interna, né la capacità della batteria. Il modello è ancora in fase di crowdfunding su Indiegogo.

Mancano anche informazioni sul suo prezzo (e sui mercati in cui sarà destinato), anche se si presume che non sarà economico.


1 commento su “Meizu Zero: il primo telefono senza porte e pulsanti”
  1. Grazia ha detto:

    Anche Vivo aveva già presentato un prodotto con simili caratteristiche, ancora prima di Meizu


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009