M4 5G: il nuovo smartphone low-cost della famiglia POCO

Di , scritto il 06 Maggio 2022

Gli estimatori del brand POCO (gruppo Xiaomi) saranno contenti di sapere dell’uscita di una novità in catalogo, un nuovo membro della famiglia M4 chiamato POCO M4 5G. Il nuovo modello va ad affiancarsi ai già noti Poco M4 Pro 5G e POCO M4 Pro come dispositivo caratterizzato da un aspetto sobrio, con funzionalità sufficienti per l’utente medio, a un prezzo di circa 140 oppure 160 euro a seconda del modello (anche se per il momento è stato lanciato soltanto sul mercato indiano).

Ecco alcune caratteristiche che ha da offrire a chi lo sceglierà: prima di tutto, ha uno schermo IPS LCD da 6,8″ con risoluzione FullHD+ e una frequenza di aggiornamento fino a 90Hz, così come una frequenza di campionamento touch di 240Hz e un rapporto di contrasto di 1500:1.

Sotto la scocca un processore MediaTek Dimensity 700 accompagnato da 4GB + 64GB o 8GB + 128GB rispettivamente di RAM e storage interno, espandibile mediante scheda microSD. Sistema operativo Android 12 (MIUI 13).

Per quanto riguarda il comparto fotografico, il nuovo modello ha due sole fotocamere posteriori: una principale da 50 MP (f/1.8) e un sensore di profondità da 2MP. La fotocamera frontale ha invece un sensore da 8 MP, non certo tra i più potenti nel segmento degli smartphone di fascia media.

Niente male invece l’autonomia, con una batteria da 5.000 mAh con supporto di ricarica veloce a 18 Watt e ricarica veloce wireless a 5 Watt.

Da segnalare anche la presenza di un sensore di impronte digitali sul lato del dispositivo, di un sensore a infrarossi, jack fisico per cuffie e certificazione IP52. A livello di connettività offre 5G, Bluetooth 5.1 e WiFi 5.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2022, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009