Mercato della telefonia mobile in Europa: Apple e Samsung spodestano Nokia

Di , scritto il 13 Maggio 2011

Molto probabilmente, quando si parla di telefonia mobile e di grandi aziende produttrici di cellulari e smartphone, sono in molti a pensare al colosso finlandese Nokia. Ebbene, stando al nuovo report IDC, il vento sta cambiando: ora a farla da padrone sono Apple e Samsung.

IDC (International Data Corporation) ha infatti condotto uno studio sul mercato della telefonia mobile in Europa, basandosi semplicemente sui dati di vendita riportati dalle principali aziende in competizione. In particolare, è stata fatta una doppia analisi, sia per quanto riguarda la fetta di mercato degli smartphone, che per le aziende costruttrici di terminali mobili. Complici alcune recenti innovazioni tecnologiche da parte degli avversari e alcune indovinate idee, il risultato è impietoso per la Nokia. Per quanto riguarda gli smartphone, Apple ha effettuato una rimonta incredibile: grazie a un incremento di vendite dell’iPhone di oltre il 48%, balza in testa con il 20,8% delle quote di mercato, davanti la Nokia al 19,6%. Le cose non cambiano per le aziende costruttrici, dove a beneficiare del boom registrato da Android e dal Galaxy S è la Samsung, in testa con il 29,3% del mercato. Nokia perde oltre 10 punti percentuali, e si trova ora al 27,9%.

Insomma, la competizione tecnologica si fa sempre più serrata, è il segreto per avere successo è restare al passo e realizzare sempre un prodotto con qualcosa in più del concorrente. Ci stanno riuscendo Samsung, Apple, e in buona parte anche HTC, mentre Nokia e RIM stanno registrando serie difficoltà: in questi casi, le scelte degli utenti che comprano non lasciano dubbi.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009