Servizi a pagamento per cellulari: ecco come difendersi

Di , scritto il 17 Settembre 2015

Aumentano i casi di attivazioni non richieste di servizi a pagamento per cellulari. Scopri come difendere il tuo smartphone

I servizi a pagamento per cellulari sono diventati uno dei problemi più ricorrenti tra coloro che possiedono uno smartphone dotato di una connessione internet. Per attivarli basta davvero poco, come ad esempio sfiorare un banner pubblicitario, senza poi contare i casi di attivazioni arbitrarie e non richieste di servizi a pagamento. Se quindi desiderate acquistare un cellulare vi consigliamo prima di valutare le offerte per cellulari del comparatore SuperMoney, in modo da trovare la tariffa e il modello più conveniente, e dopo di prestare molto attenzione alle condizioni contrattuali proposte.

In Italia sono oltre 10 milioni gli italiani che usano servizi a pagamento per cellulari, ma il 4% di questi non ha mai autorizzato l’attivazione. La questione è nota da tempo e già in passato l’Agcom e l’Antitrust sono intervenute, multando le compagnie telefoniche che avevano adottato questa strategia di marketing decisamente “aggressiva e poco corretta”. Proprio per tutelare i consumatori, l’Antitrust ha creato sul suo sito un’apposita sezione in cui è possibile denunciare casi del genere, o comunque violazioni delle attuali disposizioni normative.

Servizi a pagamento per cellulari: come tutelarsi?
 La forte crescita dei servizi a pagamento per cellulari è di certo una delle conseguenze legate all’enorme esplosione smartphone, app e internet mobile. La maggior parte delle volte l’attivazione scatta dopo aver navigato in rete, usato un gioco o aver caricato un app. Tutte situazioni a rischio che portano nella maggior parte dei casi ad attivare dei servizi non richiesti e dai costi molti elevati, che fanno precipitare il credito o lievitare i costi delle bollette.

La prima cosa da fare per evitare tutto questo è richiedere l’attivazione del barring sms. Si tratta di un servizio in grado di bloccare tutti gli sms premium, ovvero quei messaggi a pagamento come oroscopo, chat, ricette e servizi vari. In questo caso conviene contattare il proprio operatore e informarsi sulla procedura da seguire per l’attivazione. L’unico limite di questo servizio è quello di bloccare anche gli sms di servizio attivati volontariamente, come quelli inviati dalla banca per segnalare le varie operazioni.

Un altro modo per evitare l’attivazione di servizi a pagamento per cellulari è evitare di toccare, o peggio cliccare, sui banner pubblicitari durante la navigazione. Anche monitorare il proprio credito con frequenza potrebbe essere utile per identificare improvvise variazioni e addebiti sospetti. In casi del genere occorre contattare subito l’operatore telefonico, chiedere la disattivazione immediata dei servizi e pretendere il rimborso per i costi sostenuti. In caso di risposta negativa, potrete contattare una delle associazioni a tutela dei consumatori e procedere per via legale.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009