PM1110 Sport di PosteMobile: cellulare entry level pratico e robusto

Di , scritto il 19 Luglio 2011

PosteMobile è una realtà giovane nel mondo della telefonia mobile, ma comincia a muoversi bene, non soltanto come operatore mobile, ma anche nella realizzazione di telefonini. E’ stato infatti presentato il nuovo PM1110 Sport prodotto da ZTE, cellulare essenziale e resistente.

La sua caratteristica principale è infatti legata alla sua forte struttura: il design candybar, associato alla monoscocca realizzata con materiale molto resistente, lo rendono praticamente immune a urti, cadute, graffi, e a tutti gli agenti atmosferici potenzialmente dannosi. Dunque, si tratta di uno di quei prodotti particolarmente indicati per gli sportivi (come indica il nome stesso) o per chi svolge mansioni in luoghi abbastanza ostici. PM1110 Sport ha connettività dual band GSM, con supporto GPRS, Bluetooth, USB, display a 262mila colori da 2 pollici con risoluzione 176 x 220 pixel, fotocamera da 1.3 megapixel, radio FM, lettore MP3, memoria di storage da 10 MB espandibile con microSD fino a 8 GB, e la batteria al litio con un’autonomia di 360 minuti in conversazione e 400 ore in stanby. Il brand PosteMobile fa sì anche che il cellulare supporti alcune delle funzionalità più interessanti dell’operatore, tra cui i servizi di Mobile Commerce, Mobile Banking, Mobile Payment.

PosteMobile PM1110 è acquistabile presso gli shop degli uffici postali, oppure online attraverso il canale eBay di PosteMobile, al prezzo di 74.90 euro. Con il cellulare, si ha anche la possibilità di acquistare una nuova scheda SIM PosteMobile: se ricaricata di 15 euro al mese, si ricevono 15 euro di traffico bonus per il mese successivo, fino a 75 euro totali.


Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2021, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009