40 euro di incentivo per passare a Linkem rottamando la vecchia connessione

Di , scritto il 24 Aprile 2019

Di Linkem abbiamo parlato svariate volte sul nostro blog, poiché si tratta di una delle soluzioni più comode e convenienti disponibili nel nostro paese per navigare su Internet anche non possedendo una linea fissa, ovvero in modalità wireless – peraltro a canoni molto modesti. Le offerte di Linkem sono poi caratterizzate da massima semplicità e trasparenza e la copertura della sua rete è assai capillare e in continua crescita, tant’è vero che giunge anche in molte aree in cui gli operatori telefonici tradizionali non riescono ad arrivare.

In questo periodo Linkem presenta un’offerta che vi consigliamo di non perdere: potete navigare sul web anche senza attivare una linea fissa, con traffico senza limiti, a una velocità di connessione fino a 30 Mega spendendo soltanto 24,90 euro al mese (e questa cifra si intende per sempre, non solo per un periodo promozionale). Tutto questo anche connettendo in modalità wi-fi simultaneamente tutti i device di casa (smartphone, tablet, PC).

Ai nuovi clienti che sottoscrivono l’offerta in abbonamento e sull’offerta prepagata Linkem riserva un bonus ancora più significativo:

  • un incentivo di ben 40 euro in fattura a chi sottoscrive l’offerta in abbonamento
  • uno sconto di 40 euro sul costo iniziale (ovvero, il prezzo di attivazione) per chi sottoscrive l’offerta in ricaricabile: 59 euro invece di 99 e 109 euro invece di 149.

Ma bisogna affrettarsi perché l’offerta non durerà per sempre! (durerà fino al 03/06/2019)

In questo videoclip della famosa Iena Matteo Viviani, potete comprendere meglio il funzionamento dell’offerta.

Articolo sponsorizzato



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2019, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009