Software ERP, guida alla scelta

Di , scritto il 31 Luglio 2018

Software ERPNelle moderne imprese di oggi c’è bisogno di ottimizzare i vari processi dell’azienda al fine di liberare risorse imprigionate da inefficienze, non solo di reparto ma anche derivanti da tempi tecnici dovuti alle comunicazioni tra di essi. Questo risultato lo si raggiunge inserendo nella vita aziendale un sistema di verifica e controllo talmente potente ed integrato da fungere da vero e proprio collante dell’azienda. Non si parla in questo articolo di un nuovo sistema gestionale, bensì delle potenzialità che ha il software erp che soddisfa le esigenze aziendali.

Integrare tutti i processi importanti come vendite e acquisti da una parte e gestione magazzino, finanza e contabilità dall’altra, permette all’azienda di far lavorare meglio l’organizzazione nel suo insieme, riuscendo a suggerire decisioni con un largo anticipo ed in linea con le esigenze della clientela.

software erp fanno evolvere la comunicazione e tolgono un tappo allo sviluppo della produttività interna.

Il flusso delle informazioni diventa continuo e circolare. Il coordinamento interno viene suggerito dallo stesso software che relaziona tutti i reparti, prendendoli in considerazione come un unico organismo.

Per poter scegliere il proprio software ERP c’è bisogno di capire la funzionalità aggiuntiva che hanno rispetto ai sistemi gestionali anche evoluti. A ben vedere i titoli promozionali di uno o dell’altro si rischia di confondersi le idee, ciò che a te importa è la necessità di assicurare informazioni in grado di suggerire le decisioni, è la funzione predittiva che conta e che differenzia un software ERP da uno gestionale.

Nella scelta selezioniamo i vari item importanti

Fino a poco tempo fa i software ERP erano appannaggio delle grandi aziende, il loro impiego risultava molto complicato più che per il software stesso per la mole di informazioni e l’integrazione con le risorse umane. Nel tempo questa soluzione si è resa disponibile anche per le medie e piccole aziende che con tutta probabilità sono in grado di estrapolarne maggiore utilità. Il tessuto industriale italiano è per lo più costituito da aziende non di grandi dimensioni ed avere uno strumento in grado di allineare i sistemi interni coordinandoli è un fattore strategico di crescita.

I software ERP per le aziende italiane sono in grado di cogliere un aspetto fondamentale che già ora è il segreto di molte di esse. Il dinamismo è sintomo di capacità superiore di adattamento alle necessità del business, il software ERP incrementa questa capacità e struttura una situazione fluida già presente in azienda ma che non è istituzionalizzata e soprattutto non se ne ha consapevolezza.

I sistemi ERP che fanno per te non devono partire da situazioni non strutturate e da implementare, occorre che siano già disponibili per il taglio della tua azienda. Oggi si può ottenere un buon software in pratica già preconfezionato.  Con ciò non significa certo che è un pacchetto che funziona da solo senza l’ausilio delle informazioni dei processi aziendali. E’ necessario comunque fare una mappatura di tutte le funzioni aziendali da coprire con il sistema del software ERP. Ciò che deve essere fatto emergere è la struttura organizzativa attuale ed includere tutte le necessità evolutive che si stanno implementando.

Come suggerimento, per poter rendere il nuovo sistema di controllo e suggerimento adeguato alle aspettative, c’è bisogno di concentrarsi su quegli elementi che si pensano siano il vero punto di forza dell’azienda, quell’unicità che la rendono diversa dalle altre. Può essere un tipo di risposta al cliente, una lavorazione esclusiva, un reparto particolarmente efficiente ecc. Il software ERP ne dovrà tener conto.



Commenta o partecipa alla discussione
Nome (obbligatorio)

E-mail (non verrà pubblicata) (obbligatoria)

Sito Web (opzionale)

Copyright © Teknosurf.it srl, 2007-2018, P.IVA 01264890052
SoloTelco.it – Guida su cellulari, smartphone e tariffe telefoniche supplemento alla testata giornalistica Gratis.it, registrata presso il Tribunale di Milano n. 191 del 24/04/2009